(a cura del Prof. Edmondo Ippolito – Angiologo)

Con l’arrivo della primavera compaiono od aumentano i disturbi causati dall’insufficienza venosa, una patologia di cui soffre specialmente il sesso femminile e che causata da uno scarso ritorno del sangue dagli arti inferiori verso il cuore.

I sintomi più frequenti riferiti dalle pazienti sono rappresentati da pesantezza, bruciore o dolore agli arti inferiori (specie dopo prolungate stazioni erette o sedute), edema alle caviglie e qualche volta  “irrequietezza alle gambe durante il riposo notturno”.

Visibilmente le pazienti possono avere a livello delle gambe delle varici o dei capillari accompagnati talvolta dalla presenza di cellulite

La diagnosi delle pazienti con insufficienza venosa richiede normalmente oltre all’esame clinico, l’esecuzione dell’esame ecocolorDoppler che permette di identificare le sedi di origine dell’insufficienza venosa e dare indicazioni per una corretta  cura.

Specificatamente la terapia   prevede l’utilizzo di calze elastiche compressive ,la somministrazione di farmaci flebotropi che agiscono positivamente sulla parete delle vene e l’attività fisica.

A riguardo di grande importanza e la ginnastica a corpo libero specie quella che prevede esercizi che facilitano e aumentano il ritorno venoso dagli arti inferiori. L’azione benefica di una regolare attività fisica si manifesta soggettivamente  diminuendo in modo significativo  la pesantezza,la dolenzia  agli arti inferiori e l’eventuale presenza di gonfiore alle caviglie: tali benefici sono dovuti ad un positivo effetto sull’attività del microcircolo e all’azione di pompa muscolare  esercitata dalla contrazione dei muscoli del polpaccio  con conseguente drenaggio venoso e ostacolo alla stasi circolatoria periferica.

Ecco alcuni esercizi di ginnastica da fare quotidianamente, in qualunque luogo vi troviate.

1 – In posizione eretta sollevarsi ripetutamente sulle punte dei piedi, fai una pausa. Ripetere più volte.

Sulle punte dei piedi

sollevarsi ripetutamente sulle punte dei piedi

 

 

2 – In posizione supina o seduta flettere la caviglia verso l’alto e poi estendere verso il basso, fai una pausa Ripetere più volte.

flettere la caviglia

2 – Flettere la caviglia verso l’alto e poi estendere verso il basso 3 – Flettere le dita dei piedi e poi rilasciarle. Ruotare le caviglie in un senso e nell’altro

 

3 – In posizione supina o seduta flettere le dita dei piedi e poi rilasciarle. Ruotare le caviglie in un senso e nell’altro, fai una pausa Ripetere più volte.

4 – In posizione supina

Muovere le gambe facendo una bicicletta

Muovere le gambe facendo una bicicletta

Ripeti più volte prima con la gamba destra e poi con quella sinistra.
Ripetere più volte.

5 – In posizione supina semplicemente scuoti la gamba destra verso l’alto contando sino a venti, poi ripeti con la gamba sinistra. Ripetere più volte.

Scuoti la gamba verso l’alto

Scuoti la gamba verso l’alto